ITI - Integral transpersonal Institute

Sul Transpersonale (13)

Articoli vari

Sul Transpersonale (13)

Sciamanesimo: Il processo primario dell’umanità

 

P.L.Lattuada
Medico-psicoterapeuta

Solitamente alla parola sciamanesimo si associa l’idea di qualcosa di esotico e lontano dalla nostra cultura. Questo succede perché ci siamo dimenticati della storia. Alienare la donna e l’uomo dei nostri giorni dallo sciamano sarebbe come separare un fiume dalle sue sorgenti, un albero dalle sue radici, una madre da suo figlio.

La madre appunto.
Lo sciamansimo ci parla della madre: Madre Terra, Madre Natura.
Lo sciamensimo ci parla del processo primario che si compie tra una creatura e la propria madre. La creatura è la coscienza umana, la madre è Madre Natura. Per comprenderlo dobbiamo avere la memoria abbastanza lunga e lo sguardo abbastanza esteso. Dobbiamo attraversare le stratificazioni culturali prodotte dall’umanità nel corso della sua giornata evolutiva (il fiume della storia) e accedere alla sorgente, l’alba dell’umanità.
Il processo primario giocato tra la creatura e la propria madre si svolge secondo dinamiche semplici: contatto, battito, respiro, nutrimento, piacere, dolore. La formula della vita nelle sue istanze basilari.
L’evoluzione che significa per definizione aumento di complessità e organizzazione si svolge poi secondo le dinamiche più articolate del processo secondario caratterizzato dallo sviluppo delle capacità cognitive.
Ne consegue che lo sciamanesimo si caratterizza come la tradizione originaria, comune a tutte le culture sviluppatesi sul pianeta terra: il processo primario dell’umanità.
Tale processo è caratterizzato si diceva da regole semplici, basiche.
La logica primaria conduce l’uomo che trova protezione nelle caverne a diventare la terra per impadronirsi della sua forza, il cacciatore che avverte la potenza del giaguaro a diventare la belva per padroneggiare le sue qualità, il guerriero che si nasconde nella foresta a diventare lo spirito degli alberi per incorporare la loro vitalità e così via.
Ecco nascere lo sciamanesimo, un insieme di tecnologie estremamente pratiche per andare nel posto dove c’è la forza necessaria. Di fronte al male lo sciamano viaggia nei mondi di sopra, di mezzo o di sotto per andare a prendere la forza della cura, evocare l’intervento dello spirito giusto o avere la visione per il rimedio più adatto.
Viaggiare nei diversi mondi, detto in altri termini, significa cambiare diversi stati di coscienza, andare a prendere la forza equivale a cercare dentro le qualità che rendono abili a rispondere alla vita nel modo migliore, partire alla ricerca dell’anima o della visione vuol dire entrare in contatto con le dimensioni più intime del proprio Sé.
Viaggiando nei diversi mondi lo sciamano incontra le piante con le quali curare le malattie; le pratiche energetiche di imposizione delle mani, di succhiamento, di purificazione con le quali liberare dal male; le tecniche di respirazione, canto, danza, espressione creativa con le quali liberare l’anima e le sue emozioni; le tecniche ipnotiche, di deprivazione sensoriale o iper-stimolazione, di ricerca della visione, immaginazione creativa, sogno lucido con le quali

espandere la propria coscienza superando così le barriere della mente razionale; i rituali, le feste e le cerimonie di gruppo con le quali rinforzare lo spirito della tribù, il senso di identità individuale e collettiva e la coesione sociale.

Visto da vicino e con occhi chiari lo sciamano si svela pertanto come il precursore dell’arte medica, le sue semplici e dirette tecnologie costituiscono le basi di ogni successiva sofisticata tecnologia, la sintassi di ogni successivo discorso sul metodo, i paradigmi con i quali coniugare ogni possibile intervento medico o psicologico.

Lo scienziato di fronte allo sciamano dovrebbe forse inchinarsi come un figlio al cospetto del proprio padre e della propria madre, dovrebbe forse fermarsi come un allievo di fronte al maestro, tendere una mano chiedendo umilmente di ricevere la grazia della memoria e del rispetto, del senso del sacro e della connessione con il tutto.

Bibliografia

 Eliade M. Sciamanesimo, le tecniche dell’estasi,. Mediterranee, Roma

  •   Lattuada P.L. Sciamanesimo Brasiliano, Anima, Milano
  •   Lattuada P.L. Sotto stelle diverse Xenia, Milano
  •   Lattuada P.L. Il Corpo del Sogno. Anima, Milano
  •   Hanckock G., Sciamani, Corbaccio,Urrà, Milano
  •   Talbot M. Tutto è uno, Urrà, Milano
  •   Russell P., Il risveglio della mente globale, Urrà, Milano
Scroll to top