ITI - Integral transpersonal Institute

Per LIFEGATE: Autoguarigione e medicina integrale (15)

Articoli

Per LIFEGATE: Autoguarigione e medicina integrale (15)

Io non ho paura

 

P. L .Lattuada M.D., Ph. D

Un posto al sud. Caldo. Un deserto di grano. Il niente. Niente da fare, niente da vedere. Un manipolo di ragazzini scorrazza liberamente fra il paese e la campagna circostante. Sono gli occhi di Michele dieci anni che ci raccontano il mondo e la storia di cui è protagonista. Un incredibile segreto cambierà per sempre la sua vita segnando la fine dell’infanzia e la conquista di un nuovo coraggio…

Io non ho paura, è il titolo del film di Salvatores che racconta la storia di Michele, io non ho paura è la parola magica che trasforma un bambino in un uomo, che conferisce sacralità all’avventura di un ragazzo comune attribuendo un significato evolutivo ad un esistenza altrimenti banale.
Io non ho paura è una frase iniziatica che partorisce l’eroe che giace addormentato nel cuore di ogni essere umano.

Ma cos’è la paura?
Con questo termine la scienza psicologica identifica stati di diversa intensità emotiva che vanno da una situazione assolutamente normale, fisiologica come il timore, l’apprensione, la preoccupazione, l’inquietudine o l’esitazione sino ad una situazione che assume connotazioni patologiche come l’ansia, il terrore, la fobia o gli attacchi di panico.
L’esperienza soggettiva della paura si accompagna ad un senso di forte spiacevolezza e ad un intenso desiderio di evitamento nei confronti di un oggetto o situazione giudicata pericolosa. Esiste pertanto, entro certi limiti, una paura buona che svolge una funzione positiva, nel senso che segnala uno stato di emergenza ed allarme. In questo caso si attiva il sistema nervoso simpatico, per cui i peli si rizzano, ai muscoli affluisce maggior sangue e la tensione muscolare ed il battito cardiaco aumentano, la pupilla si dilata, lo stomaco si contrae. Si realizza la selettività dell’attenzione ad una ristretta porzione dell’esperienza ( tunnel vision), tutto si predispone a rispondere al pericolo mediante l’attacco oppure la fuga. Quando invece la tensione si fa eccessiva, il bisogno di controllo può arrivare fino all’ immobilità innescando così un cortocircuito emotivo che attiva quel processo patologico definito: inibizione dell’azione.
E’ il caso di quegli stati di paura acuta ed improvvisa caratteristici degli attacchi di panico e della fobia che si accompagna ad una attivazione del sistema nervoso autonomo parasimpatico. Un intensa stimolazione del parasimpatico produce un abbassamento della pressione del sangue e della temperatura corporea, una diminuzione del battito cardiaco e della tensione muscolare, un’abbondante sudorazione e restringimento della pupilla. Il risultato di tale attivazione è una sorta di paralisi, ossia l’incapacità di reagire in modo attivo con la fuga o l’attacco.
Ma chi ha paura?
L’approccio olistico però di fronte alla paura ci consente di porci un’altra domanda: chi ha paura?
La risposta è chi la conosce, chi l’ha già provata. Quando? Molto indietro nel tempo, pensiamo alla nascita. Tutto è quiete e pace, ad un certo punto veniamo scossi, sbattuti, gettati nel baratro, un baratro buio che si restringe sempre piu’, ci soffoca, siamo terrorizzati, ecco la paura, ecco la morte, siamo in vita. Siamo venuti alla luce.
Abbiamo imparato precocemente ad abbinare il lasciarci andare alla paura e sopratutto siamo cresciuti credendo di essere noi, il nostro io, ad avere paura. Ma in realtà non è così, io non ho paura. Sono le mie cellule ad avere registrato l’esperienza della paura ed io sto ancora sognando quel sogno. E’ ora che mi svegli, la paura è memorizzata nelle mie cellule, la paura mi attraversa ma io non sono la paura. Io non ho paura. La vita bussa alla porta del Michele che c’è in me per risvegliare l’eroe che c’è in ogni Michele. Attraverso la morsa oscura di questa amica scomoda la vita ci chiede il risveglio, ci chiede il passaggio iniziatico dall’adolescenza all’età adulta, ci chiede il coraggio di affrontare le prove senza indietreggiare; come la grotta di Ali baba, per mostrarci i suoi tesori la vita cui chiede la parola magica: Io non ho paura.

Scroll to top