ITI - Integral transpersonal Institute

Dall’11° EUROTAS INTERNATIONAL CONFERENCE – MILAN – ITALY: Oltre la Mente (4)

Articoli

Dall’11° EUROTAS INTERNATIONAL CONFERENCE – MILAN – ITALY: Oltre la Mente (4)

Oltre la mente: la storia del movimento Transpersonale

 

P.L.Lattuada M.D., Ph.D

 

La storia del movimento transpersonale è curiosa.
La psicologia transpersonale si è sviluppata negli anni settanta nell’area della Baia , intorno a San Francisco. Prima ancora che diventasse realmente conosciuta, ha vissuto un gran numero di divisioni e disaccordi stridenti, al punto che Ken Wilber, pietra miliare del pensiero transpersonale, si è allontanato dal movimento consumando lo strappo molti anni or sono, considerandolo ormai avviato sulla china di un declino terminale e senza speranza di futuro.
Le critiche dei suoi detrattori sono di varia natura.
Alcuni descrivono la psicologia transpersonale come un movimento di originali che si occupano di spiritualità, per altro scontrandosi tra di loro sul vero significato del termine, e che hanno un po’ la testa tra le nuvole, confusi in forme di pensiero magico-mitiche prerazionali.
Per altri gli esponenti del movimento transpersonale rifuggono dal duro lavoro psicologico ordinario per rifugiarsi in stati non ordinari di coscienza per lo più indotti da droghe, mostrando così un “eco-primitivismo retro romantico”, sono parole di Wilber, che impedisce loro di dialogare con le altre correnti di pensiero psicologico che si rivolgono alle dimensioni più concrete dello spettro della coscienza.
Per altri ancora, i più disinformati, gli psicologi transpersonali si muovono in una zona di pericolosa contiguità con le istanze della New Age, “parlano con gli spiriti” , “credono negli angeli”, si isolano dai problemi reali regredendo alle fasi orali dello sviluppo mediante la meditazione o la recitazione di mantras. La buona notizia è che molti dei detrattori non sanno di cosa parlano, non avendo mai conosciuto uno psicoterapeuta transpersonale da vicino, altri come ad esempio Ken Wilber o Claudio Naranjo si basano sulla loro esperienza del movimento delle origini ( Bay Area) e forse vagamente sanno che in Europa esiste un movimento transpersonale in piena salute riunito in due associazioni internazionali, una delle quali l’Eurotas forte di 24 associazioni nazionali, e che annoverano al suo interno autori quali John Rowan, Laura Boggio Gilot, Vitor Rodrigues, Arturo De Luca, , Ingo Benjamin Jahretz, Beata Bishop, Vladimir Maykov, Jure Biechonsky, Bernadette Blin, Judith Miller e chi scrive, per citarne solo alcuni, che hanno pubblicato decine di testi e lavori scientifici contenenti approcci originali che nessuno dei critici del transpersonale ha mai avuto modo di conoscere.
Forse ancora meno è noto il movimento transpersonale in Brasile, che fin dagli anni settanta si è sviluppato in ambito accademico e che ha partorito metodi e modelli del tutto innovativi. Ci riferiamo al pionieristico lavoro di Pierre Weil culminato nella fondazione della Universidade da Paz di Brasilia, oppure allo straordinario contributo di Eliezer Crequiera Mendes con la sua Psicotransterapia, di David Akstein con la Terpsicoreterapia o del Prof. Armando Leite Neves con la sua Anailisi Transpersonale.
Per concludere il panorama è doveroso citare il contributo al transpersonale della vitalissima Psicosintesi con centri diffusi in tutto il pianeta sotto l’impulso di fervide menti come quelle di Massimo Rosselli e Piero Ferrucci per citarne solo alcune. Ci sia anche consentito citare, tra le ultime arrivate, la Biotransenergetica, un’ ampia e articolata metodologia transpersonale, fondata nei primi anni ottanta da Marlene Silveira e Pier Luigi Lattuada e da allora elaborata da chi scrive in oltre venticinquemila ore di lavoro clinico e dodici libri pubblicati.
Da una lettura attenta dei testi o da una partecipazione attiva alle annuali Eurotas Conference (con partecipanti di oltre trenta paesi) e soprattutto dalla conoscenza diretta, cuore a cuore, con i rappresentanti del movimento transpersonale si potrebbe arrivare a comprendere forse più da vicino l’essenza e la vitalità e la pregnanza culturale del fenomeno di cui stiamo parlando.
Si potrebbe ad esempio comprendere che una visione unitaria non può che derivare da uno sguardo unitario, ed uno sguardo unitario nasce da uno stato di coscienza unitario, che alcuni definiscono: la

coscienza dell’unità. Tale coscienza dell’unità sembra caratterizzarsi come uno stato dell’essere che si raggiunge quando si è in grado di varcare le soglie della mente ordinaria, solitamente imbrigliata ad una visione duale dovuta agli attaccamenti e ai conflitti di ordine personale. Si potrebbe allora facilmente comprendere, anche dispensando il supporto di una conoscenza enciclopedica, di modelli, quadranti, anelli o spirali, che la questione è la discesa dalla mente al cuore, una questione facile da dire, infinita da compiere.

Si potrebbe allora arrivare a comprendere che il termine transpersonale non appartiene a nessuno ma è a disposizione di chiunque sia autenticamente in cammino su di una via che abbia un cuore.
Appartiene al viaggio eroico di chiunque in rotta verso casa, attraverso valli di passione e ignoranza, vette di intuizioni e slanci di cuore, notti dell’anima e infiniti risvegli, morti e rinascite, semplicemente si riconosce nell’umile tentativo di liberarsi da se stessi e abbeverarsi alla sorgente dell’essere (che alcuni chiamano Dio, altri Sé, altri cuore).

Una sorgente che a volte sembra inesorabilmente prosciugata, altre sgorgare copiosa, a volte appare irraggiungibile, altre si svela eternamente presente qui ed ora.
Ed è proprio In quei rari sprazzi di presenza, quando riceviamo la grazia di un sorso, che si svela la copiosa, strabiliante ricchezza della dimensione transpersonale.

Una dimensione di fronte alla quale non resta che religioso silenzio e devota resa, compassione per se stessi e i propri simili, coscienza dell’unità interconnessa di tutte le cose.
Una dimensione nella quale risulta inequivocabilmente chiaro che l’accesso all’uno avviene quando scompari a te stesso, quando hai il coraggio di perderti e ritrovarti, oltre la mente: cioè nei reami trans personali .

Una dimensione dalla quale spesso si viene cacciati dal vento gelido dell’arroganza, dal morso avido del potere, dalla sete perversa dell’importanza personale, ma dalla quale, all’eroe in viaggio, una volta tornato nell’ordinario spetta il compito di ricordarsi di ricordare: non due.
Ecco allora che oltre la mente, cioè oltre l’attaccamento alla propria limitata visione personale, la visione transpersonale appare profondamente integrale, così come la visione integrale si svela assolutamente transpersonale.

Oltre la mente, cioè oltre l’identificazione narcisistica con il proprio modello, i diversi modelli psicologici si svelano appartenere ad un flusso di coscienza interconnesso che esprime la condizione attuale dell’umanità Oltre la mente, cioè oltre il giudizio, l’eroe in viaggio timidamente osa aprire le porte.
Nel 11th Eurotas Conference che si terrà a Milano dal 15 al 18 ottobre, rappresentanti del movimento trans personale di oltre trenta nazionalità si confronteranno sulla via della condivisione, proporranno modelli ed esperienze per tracciare una via del cuore nell’educazione, nella scienza, nel mondo delle aziende e delle organizzazioni della società civile.

Le porte sono aperte ai rappresentanti della psicoanalisi, del comportamentismo, della psicologia umanistica, della visione integrale, della scienza accademica, delle religioni organizzate, dell’economia, dell’educazione e della politica, a uomini e donne di buona volontà.

Scroll to top